8 aprile 2018

Sindrome da Open World - RIFLESSIONE

Diciamoci la verità, oggi abbiamo due grandi tendenze nel mercato videoludico: gli ibridi e le battle royale. Oggi voglio concentrarmi solo sulla prima categoria, parlando del genere più abusato all'interno dei titoli del momento: l'open world.


thewitcher3
The Witcher 3

L'open world è diventato, insieme alle meccaniche RPG, una presenza fin troppo presente nei videogame d'oggi, toccando anche delle saghe storiche come quella di Metal Gear. 
Alla luce di tutto ciò, "open world" è diventato per molti un sinonimo di noia e tediosità.

Si può dire che il punto di partenza di questa moda è stato Far Cry 3 (uscito nel 2012), in cui il giocatore aveva a disposizione un'intera isola esplorabile.
Per chi non lo sapesse, la serie di Far Cry, specie dal terzo capitolo, è composta da dei titoli sparatutto in prima persona con elementi RPG (ma pensa te!) e mappa aperta, dove si può gironzolare a piacimento proseguendo con missioni principali o secondarie.

farcry4
Far Cry 4

Da quel momento è cambiato tutto.
L'open world è stato ficcato un po' ovunque con l'intenzione di tenere incollato l'utente al videogioco... ma qualcosa è andato storto.
No Man's Sky, Sea of Thieves, Metal Gear Solid V, Horizon Zero Dawn, The Witcher 3, Ghost Recon Wildlands, Kingdome Come Deliverance, The Division, Watch Dogs, Just Cause 3, Mad Max e Zelda Breath of the Wild sono solo alcuni dei videogiochi con punte di open world all'interno... molti sono riusciti bene, altri molto male.

Ci si è concentrati troppo sul creare mappe enormi, tralasciando il fattore più importante: le cose da fare.
Non me ne faccio nulla di un mondo o addirittura un universo intero (vero No Man's Sky?) se questo risulta pressoché vuoto o estremamente ridondante.
Non tutti sono CD Project Red o Rockstar Games... non tutti sanno domare la bestia imbizzarrita che è l'open world.
The Witcher 3 e GTA 5, infatti, sono i due esponenti moderni di spicco del genere, avendo creato un ecosistema pregno di spunti, obiettivi, zone interessanti e interazioni casuali difficilmente replicabile.

no-mans-sky
No Man's Sky
(Fonte)

Mi duole ammetterlo, vista la mia passione verso la saga, ma anche Metal Gear Solid V ha fallito clamorosamente su questo fronte.
Pad alla mano, infatti, ci si stufa facilmente di correre per l'Afghanistan alla ricerca di villaggi da conquistare silenziosamente (preferendo proseguire per la trama principale), perché l'intera area di gioco è un dannatissimo deserto vuoto! ci sono solo accampamenti qua e là, ma per il resto è fuffa.
Idem con patate per Just Cause 3 e Mad Max (che sto ancora provando, ma arriverà l'articolo nelle prossime settimane).

Un esempio inaspettatamente virtuoso è il caro vecchio Sleeping Dogs, dimenticato immeritatamente da tutti. Per chi non lo sapesse, sto parlando di un titolo che prende il meglio delle sue meccaniche da due colossi: GTA per l'open world e Batman Arkham per il sistema di combattimento. Il risultato è un videogioco semplicemente stupendo, ambientato in Cina, dove un poliziotto si è infiltrato nel sistema mafioso locale con l'obiettivo di demolirlo dall'interno. 
La mappa, seppur di dimensioni contenute, è formata da tre zone piene di cose da fare non troppo dispersive.
Ne parlerò meglio nell'articolo a lui dedicato, quindi non mi dilungo ulteriormente.

sleeping-dogs
Sleeping Dogs
(Fonte)

Insomma, questa moda degli open world è decisamente fuori controllo, rea d'aver creato dei prodotti scadenti spacciati per stupendi.
In un videogioco non conta la grandezza della mappa, ma cosa ci si mette dentro.

Fatemi sapere cosa ne pensate con un commento qui sotto o sui miei social (o cliccando su una delle tre reazioni disponibili)!
Essendo affiliato ad Amazon, se acquistate i prodotti linkati da me, una piccola percentuale andrà al sottoscritto senza alterare il prezzo del prodotto in alcun modo. 

12 commenti:

  1. E' un mondo sconosciuto, ma ricordo alcuni gameplay visti su youtube (immagino conoscerai Yotobi :D). Vado un po' a sensazione ma Sleeping Dogs ha una trama interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sisi, conosco :D

      Sleeping Dogs è stato una scoperta dell'ultimo minuto, non mi aspettavo qualcosa si così dannatamente bello proprio perché non ne parla mai nessuno, un vero peccato.
      Settimana prossima ne parlo per bene, voglio assolutamente dedicarci un articolo.

      Elimina
  2. All'inizio mi piaceva la cosa, soprattutto coi primi GTA, sia quelli per PSX che quelli per PS2 ma alla lunga mi ha stancato, spesso ripetitivo, con missioni messe lì giusto per allungare la longevità.
    Concordo con tutto il tuo discorso, la cosa è certamente sfuggita di mano!
    MGSV, come scritto su Telegram, mi ha allontanato dalla saga anche per questo motivo (oltre al fatto che avevano detto tutto col quarto capitolo). Mi pare che anche con l'ultimo Splinger Cell, uscito prima della serie con Snake, abbiano provato la via dell'open world (e infatti non l'ho neanche provato, nonostante ami la saga.
    L'idea di base è ottima ma non va bene per tutti i generi, anzi, va bene per pochissimi e oggi, con l'online più diffuso, mi limiterei ad usarlo solo in quei titoli, per l'offline lasciatemi la linearità!
    Just Cause ho provato solo la demo del secondo, mi era piaciuta la velocità dei movimenti la l'open world lo rendeva dispersivo e basta.
    Sleeping Dogs mi ha sempre attirato ma non l'ho mai iniziato per l'open world.
    Per me un open world funzionante è quello di L.A. Noir, puoi andare dove cazzo ti pare, se vuoi puoi rispondere alla chiamate della polizia ma se decidi di seguire solo la saga principale, è un falso open world, un titolo molto lineare, hai una pista ben precisa da seguire, non ne hai varie per decidere l'ordine, quello è prestabilito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, io preferisco i titoli lineari con delle cose da fare ben precise, anche perché negli open world mi trovo sempre a seguire la trama principale come un treno, fregandomene del resto fino alla conclusione della storia.

      Di open world veri e propri che hanno saputo staccarmi un po' dalla linearità posso ricordare The Witcher 3, GTA 5, Sleeping Dogs e pochi altri, davvero.
      Piuttosto preferisco qualcosa come i classici FF in cui le secondarie erano DAVVERO secondarie, cioè se le trovavi le facevi, sennò amen, le perdevi e ti concentravi sulla trama.
      Su FFVII e IX penso di essermi perso il 90% delle missioni sparse per la mappa perché ero stregato dalla storia, e va bene così! questa è libertà, non prendere in giro il giocatore con decine di avamposti da conquistare a ripetizione giusto per sbloccare uno stupido trofeo.

      Elimina
  3. In sostanza mi pare di capire che alcuni fanno la furbata col mondo deserto: non ci metti niente ed è esteso quanto vuoi... XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, hai centrato il punto XD

      Elimina
  4. Mi ricordo che con l'Amiga 500 dei miei cugini giocavamo a The Faery Tale Adventure, un action-RPG con l'ambientazione ENORME del 1987, e stava tutto dentro ad un floppy o due :D Quindi l'idea del mondo enorme non è originale anzi.. comunque concordo che è interessante se è pieno, se non ci metti dentro nulla non ha proprio senso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la moda è esplosa con Far Cry 3, prima era un fenomeno in crescita ma contenuto. Da quel momento tutti hanno messo sto open world dove non serviva XD

      Elimina
  5. Penso che hai ragione, soprattutto se a fronte di una mappa gigantesca c'è poco da fare, ma se fatto bene, come in Far Cry o Just Cause 2, è qualcosa di eccezionale ;)

    RispondiElimina
  6. Metal Gear Solid V lo devo ancora giocare ed ero curioso di questa novità dell'open world... non ne ho giocati tantissimi di questi titoli ma dopo essermi sparato diversi Assassin's Creed di fila mi hanno un po' stancato e per quello ora mi diverto con Uncharted, tanta azione, si spara e in una settimana è finito 😃
    Di questo genere ho trovato molto divertenti i vari Lego Marvel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che a Metal Gear non serviva l'open world per sua stessa natura.
      Mi può star bene una mappa "chiusa" ma esplorabile come in MGS3, ma nel V su questo fronte Kojima ha proprio toppato.
      Ne giova sicuramente il fatto che ci si può approcciare ad un avamposto in mille modi diversi, ma stufa troppo preso!

      I vari Lego li ho sempre provati nelle demo, ma non li ho mai comprati in versione completa. Già da quelle poche ore avevo capito che erano titoli validi anche se troppo distanti dal mio gusto personale ;)

      Elimina