19 aprile 2018

One Piece: La Saga di Romance Dawn - RECENSIONE

"Molti anni or sono visse un uomo che fu capace di conquistare ricchezza, fama, potere e tutto ciò che si può desiderare in questo mondo. Il suo nome era Gold Roger, il Re dei Pirati. Le sue parole in punto di morte spinsero molta gente verso il mare."
"Il mio tesoro...? Se lo volete, è vostro... cercatelo. Ho lasciato tutto in un certo posto"
"E così in tutto il mondo iniziò l'Era dei Pirati."

one-piece

LA GENESI

Con queste parole inizia il "manga dei record", il fumetto giapponese più venduto al mondo con più di 400 milioni di copie sparse per il globo: One Piece.
Dietro a questo vero fenomeno culturale c'è il mangaka (fumettista) Eiichiro Oda, nato nel 1975 a Kumamoto in Giappone, che ha iniziato la serializzazione settimanale di One Piece nella rivista Weekly Shonen Jump (Shueisha) nel lontano 1997, 21 anni fa.
Dopo il one-shot Romance Dawn, pubblicato in Italia nella sua prima versione nel databook Wanted e nella sua seconda versione nel Red, Oda ebbe l'occasione di avviare la sua serie che, almeno inizialmente, doveva comprendere meno di 10 volumi.
Dalle dichiarazioni di Oda pare che l'ingresso della Flotta dei Sette nella storia abbia avuto l'effetto di allungare a dismisura la trama, infatti Rufy sarebbe dovuto diventare Re dei Pirati dopo l'ingresso nella Grand Line e la sconfitta dei Quattro Imperatori... ma non anticipiamo nulla: partiamo dal volume 1.

record
Guinnes World Record vinto da One Piece
(Fonte)


CAPITOLO 1

I primi 7 capitoli contenuti del volume 1 introducono alla perfezione il tema portante dell'intera opera: lo One Piece, il tesoro dell'ex Re dei Pirati Gold Roger. In punto di morte quest'ultimo avrebbe spinto centinaia di pirati per il mare alla ricerca del suo immenso tesoro, dando vita all'Era dei Pirati.

roger
Prima pagina del manga

Nel capitolo 1 ci viene presentato un bambino di 7 anni del Villaggio di Foosha, un paesino che ospita da un anno la nave pirata di Shanks il Rosso e la sua ciurma, chiamato Monkey D. Rufy.
Cosa c'entra un bambino con i temibili pirati? Molto semplicemente Rufy vuole a tutti i costi essere reclutato dal suo punto di riferimento, il sopracitato Shanks, e vivere da uomo libero nel mare.
Per farlo arriva a ferirsi il volto con un coltello procurandosi la sua iconica cicatrice sotto l'occhio sinistro, ma il Rosso continua a non volerlo in nave per via della sua giovane età.
Dopo un diverbio con il masnadiero Higuma in cui Shanks ha preferito subire un'umiliazione piuttosto che abbassarsi al suo livello a controbattere, Rufy, visibilmente contrariato dalla condotta del suo idolo, decide di affrontare il criminale... perdendo e facendosi rapire da quest'ultimo, nonostante l'intervento del Rosso e della sua ciurma.

Shanks alla fine riesce a salvare Rufy sia dal masnadiero che da un mostro marino anche se, nel farlo, quest'ultimo gli mangia il braccio sinistro. Proprio in quest'occasione si vede per la prima volta la già citata Ambizione, un potere di cui parlerò molto più avanti.
A seguito di queste vicende, il Rosso ormai privo del braccio dona il suo Cappello di Paglia a Rufy, dicendogli di ridarglielo quando sarà diventato un grande pirata.
10 anni dopo il nostro Rufy, ormai diciassettenne, inizia la sua avventura (inizialmente) solitaria per i mari alla ricerca del mitico One Piece, con l'obiettivo di diventare il Re dei Pirati... l'uomo più libero del mondo.
Sempre nel primo capitolo abbiamo anche un fortissimo indizio di trama circa il numero di compagni desiderato da Cappello di Paglia (soprannome di Ruy): almeno dieci.

rufy-shanks
Shanks presta il suo cappello a Rufy

FRUTTI DEL DIAVOLO

Durante la prima apparizione di Higuma, il nostro piccolo protagonista mangia, senza saperlo, il Frutto del Diavolo Gom Gom (trovato da Shanks su una nave nemica) che rende il suo corpo interamente di gomma, permettendogli di allungarlo a piacimento.
Nel mondo di One Piece esistono un'infinità di questi Frutti del Diavolo e tutti donano poteri differenti a chi li ingerisce, con l'unico deficit dell'acqua, che diventa il punto debole dell'utilizzatore (facendogli perdere forza col solo contatto fisico).
Nella specie, quello mangiato ingenuamente da Rufy è un Frutto della tipologia Paramisha, ovvero quei Frutti che donano un potere sovrumano come ad esempio rendere il corpo di gomma o una lama. 
Ci sono altre due tipologie di Frutti: Rogia e Zoo Zoo. Il primo rende possibile la mutazione del corpo secondo i fenomeni naturali (fuoco, tuono, ghiaccio ecc...) i quali possono essere manovrati a piacere, mentre il secondo dona forza animalesca e si sviluppa attraverso tre diverse mutazioni: animalesca, mista e umana. Chiaramente i Rogia sono i Frutti più rari e forti, permettendo di rendere il corpo dell'utilizzatore completamente intangibile, salvo l'uso dell'Ambizione... ma non andiamo troppo oltre.

rufy-frutto
Rufy mentre mangia il frutto Gom Gom

ALBIDA E KOBI

Dopo aver rischiato la morte in un mulinello d'acqua ed essersi rifugiato in una botte, Rufy si trova all'interno di una nave pirata nemica. 
Fortunatamente viene scoperto dal giovane Kobi che gli svela di far parte della ciurma della piratessa Albida detta Mazza Chiodata in qualità di mozzo... e di odiare la sua vita visto che vorrebbe, al contrario, entrare in Marina.
Da questo dialogo tra i due si capisce subito di che pasta è fatto Rufy, il quale anima il vigore di Kobi, che si era rassegnato ad un'esistenza da mozzo ricattato dalla piratessa, donandogli un pizzico di coraggio in più per liberarsi dalle sue "catene".
Qui Oda evidenzia un altro perno del manga: i sogni e ciò che si è disposti a fare per realizzarli. Rufy non ha problemi a morire pur di diventare il Re dei Pirati... e cerca individui così per formare la sua ciurma: individui disposti a perire per realizzare le loro ambizioni.
Dopo aver affrontato e battuto Albida, i due si dirigono in una vicina base della Marina militare, con l'obiettivo di reclutare il primo compagno di Cappello di Paglia: il cacciatore di taglie Roronoa Zoro.

rufy-kobi
Rufy e Kobi

MORGAN E ZORO

Eccoci al climax della Saga di Romance Dawn.
Rufy e Kobi vengono a sapere della presenza di Morgan detto Mano d'Ascia, un capitano della Marina, nell'isola che stanno raggiungendo.
Zoro, dal canto suo, è un temibile cacciatore di taglie che è stato catturato dalla Marina dopo aver ucciso il lupo di Hermeppo, il figlio di Morgan, per proteggere una bambina del villaggio.
Come se ciò non bastasse, gli è stato detto proprio da Hermeppo che se non fosse morto dopo un mese senza cibo, sarebbe stato libero d'andare... ma la realtà è ben diversa: il viziatissimo figlio di Mano d'Ascia, infatti, ha intenzione di farlo fuori nei successivi tre giorni.

Rufy approfitta della prigionia di Zoro per proporgli di entrare nella sua ciurma.
Dopo un iniziale rifiuto, il cacciatore di taglie decide di accettare ad una sola condizione: "Voglio ancora diventare lo spadaccino più forte al mondo!"(...)"Se dovessi rinunciare alla mia ambizione ti squarcerai la pancia per scusarti!".
Insomma, Roronoa farà parte dell'equipaggio di Cappello di Paglia senza rinunciare al suo sogno perché ha visto in Rufy una persona di cui fidarsi.
I due, chiaramente, sbaraglieranno Morgan, Hermeppo e la Marina presente sull'isola e salperanno immediatamente.

zoro
Zoro entra in ciurma

In tutto ciò, Kobi riesce ad entrare in Marina proponendosi come recluta dopo la sconfitta di Mano d'Ascia, con l'ennesimo aiutino di Rufy. 
Anche Kobi, infatti, successivamente all'arrivo di altri militari, stava per essere cacciato in qualità di compagno di Zoro e Cappello di Paglia, vedendo così sfumare il suo sogno.
Quest'ultimo ha preso nuovamente in mano la situazione iniziando a pestare violentemente l'ex mozzo, dimostrando ai soldati che i due non erano mai stati compagni e servendo su un piatto d'argento a Kobi la possibilità di entrare in Marina.

IL PASSATO DI ZORO

In questa saga di ci viene mostrato il passato e il trauma di Zoro, che ora riassumerò e commenterò. 
Fin da piccolo è stato addestrato all'uso della katana in un dojo. Insieme a lui e ad altri allievi, c'era Kuina, la figlia del Maestro, che riusciva sempre a battere il nostro Zoro in combattimento anche se quest'ultimo usava ben due spade. I due, dopo l'ennesima sconfitta di Roronoa, si sono promessi reciprocamente di diventare lo spadaccino più forte del mondo e Kuina confessa di voler essere un uomo per diventare un vero guerriero.
Poco dopo la piccola muore tragicamente cadendo dalle scale (boh...) e proprio in quel momento di tristezza Zoro si fa dare la spada dell'amica dicendo: "Diventerò forte anche per lei! Diventerò lo spadaccino più forte del mondo per far arrivare il mio nome fino in Paradiso!".
In quel momento è "nato" Zoro e il suo stile di combattimento a tre spade.

zoro-promessa
La promessa di Zoro
Questo flashback è il più semplice del manga
Sia chiaro, delinea comunque un bel personaggio, ma lo fa un po' troppo banalmente per gli standard di One Piece.
Si capisce fin da subito che Zoro è il classico figo forte e tenebroso, ma dargli una caratterizzazione così tanto "terra terra" è un po' ingiusto. Sicuramente all'epoca Oda pensava di far finire il fumetto in poco tempo, quindi ha sacrificato la profondità di Zoro, ma spero che in futuro possa dargli più spazio.

ALTRI PERSONAGGI IMPORTANTI DELLA SAGA

Non posso evitare di citare almeno altri due personaggi comparsi in questo primo arco narrativo: Benn Beckman e Yasop.
Beckman è il vicecapitano della ciurma di Shanks il Rosso, il suo braccio destro e Yasop è il primo compagno di Shanks, nonché cecchino dell'equipaggio. Com'è facile intuire, Yasop è il padre di Usop, cecchino della ciurma di Cappello di Paglia.

CONCLUSIONE

Direi che posso concludere qui la recensione, ma prima voglio dire la mia su questo primo arco narrativo di One Piece.
Come inizio è praticamente perfetto, senza fretta e coi giusti tempismi.
Tutto viene esposto chiaramente, i personaggi sono interessanti e le ambientazioni sono fin da  subito iconiche.
Secondo i più, Romance Dawn è l'essenza stessa di One Piece: avventura, scoperta, combattimenti e allegria... e io sono assolutamente d'accordo.
Ora il manga è molto più complesso, ma è facile intravedere tra le maglie della trama lo stesso spirito che si respirava nei primissimi volumi, quello stesso spirito che permette all'opera di Oda di continuare ad essere un successo planetario.

rufy
Rufy

Rufy parte all'avventura da ragazzo sognatore inseguendo un obiettivo impossibile, con la spensieratezza di uno sciocco, cercando di reclutare uno spietato cacciatore di taglie all'interno di una base della Marina, contro tutto e tutti, fregandosene delle conseguenze. 
Forse è proprio questo ad aver affascinato Zoro: la sfacciataggine di Rufy... la sfacciataggine del vincente.
Un'ulteriore prova della geniale leggerezza di Cappello di Paglia è il fatto che non pensa mai: non esistono dei baloon dove Rufy pensa in quasi 90 volumi (ma questo è materiale per l'approfondimento che farò su di lui, quindi mi fermo qui).

Si può dire che One Piece ingrana davvero dalla saga del Baratie, dove facciamo la conoscenza di Sanji, ma già da Romance Dawn si capisce lo straordinario potenziale di questo fumetto.
Oda recentemente ha confermato che il finale ideato da lui inizialmente e quello verso cui ci stiamo dirigendo proprio in questi mesi sono gli stessi: non l'ha cambiato di una singola virgola.
Questo oltre a delineare un grande autore ci riporta coi piedi per terra perché in fondo One Piece conserva la stessa anima del capitolo 1... e non potrebbe esserci garanzia migliore per una conclusione perfetta.  

FONTI

Le immagini del manga a colori sono prese direttamente dall'edizione ufficiale acquistata e tradotta dallo Hyena Team
Fatemi sapere cosa ne pensate con un commento qui sotto o sui miei social (o cliccando su una delle tre reazioni disponibili)!
Essendo affiliato ad Amazon, se acquistate i prodotti linkati da me, una piccola percentuale andrà al sottoscritto senza alterare il prezzo del prodotto in alcun modo.

18 commenti:

  1. Complimenti, bell'articolo!
    Saluti a presto.


    No, seriamente, trattandosi dell'inizio molte cose le sapevo e altre me le hai ricordate tu, il complimento è sincero e giuro che ho letto tutto l'articolo!
    Concordo con le tue conclusioni.
    Bellissimi le immagini a colori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, bel commento!
      Saluti a presto.

      Okok, dovevo farlo, ora ti rispondo davvero XD
      Sono stato apposta attento a scrivere le sottigliezze che magari col tempo si dimenticano... e all'ingresso di Usop ne farò notare un'altra veramente conosciuta solo dagli appassionati più hardcore XD
      Per quanto riguarda il manga a colori è un peccato che non sia stato acquistato da Star Comics... ma per fortuna all'epoca c'ha pensato lo Hyena Team a prendere accordi con Shiuesha XD
      Ora che il Team si è sciolto siamo fermi intorno al volume 40, quindi da quel punto in poi userò il cartaceo ;)

      Elimina
  2. Grande, seguirò con piacere questo progetto.
    Che dire: ho letto questa saga su Express, a puntate, prima che arrivasse in volumetti. All'epoca amavo molto OP, semplice, diretto, divertente e "colorato" (anche se in b/n).
    Zoro ha il giusto spazio, in questo senso: come dici tu, non era prevista una storia così lunga, e anche come "tenore" ci sta tutto.
    L'Ambizione secondo me se l'è inventata in un secondo momento riprendendo quella vignetta con l'anguillone.

    Albida e Kobi due grandi personaggi, ma all'epoca funzionavano proprio per la loro semplicità :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Moz!
      Sono d'accordo su tutto, anche per quanto riguarda l'Ambizione. Diciamo che l'ha tirata fuori dal cilindro e infatti non mi è piaciuta la sua introduzione, ma per dovere di cronaca l'ho comunque citata perché ciò che fa Shanks nel capitolo 1 è generalmente riconosciuto come Ambizione.
      Comunque più avanti ne parlerò per bene, c'è parecchio da dire :D

      Zoro potrebbe essere approfondito tirando in ballo Tashigi, ma per come lavora Oda ho paura che non ci saranno grossi flashback su di lui.
      Quello recente di Sanji è un caso molto particolare di "espansione" di un personaggio di cui parlerò a tempo debito :D

      Elimina
    2. Ma alla fine si è capita la storia di Kuina? E quella di Tashigi? Sono la stessa persona? XD

      Beh, diciamo che -oltre l'ambizione- Oda ha retconato anche la parte del villaggio di Foosha quando parlerà di altri personaggi... :)

      Moz-

      Elimina
    3. Sì ha messo mano parecchio sul passato di Rufy :)
      Infatti ho deciso di rimandare le schede complete dei protagonisti al timeskip, farò una scheda per ognuno sul pre-timekip e una sul post-timeskip dopo Marineford :D

      Comunque alla fine non sono la stessa persona, solo due ragazze molto simili ;)

      Elimina
    4. Eh, ero rimasto anche io alle ragazze simili, ma credevo ci fosse altro, dietro... Dopotutto ormai non leggo più da 40 volumi, magari mi ero perso qualcosa^^

      Moz-

      Elimina
    5. Concordo sull'ambizione ma alla fine era necessario un potere del genere, se no alcuni nemici erano davvero imbattibili e si sarebbe dovuto inventare escamotage variopinti ogni volta pet farli fuori.

      Elimina
    6. Vero, era un "male" necessario. Purtroppo è anche vero che ora l'Ambizione ce l'hanno tutti e la superiorità dei Rogia è praticamente neutralizzata. Diciamo che l'Ambizione ha cambiato totalmente gli equilibri di One Piece entrando a gamba tesa su una regola che necessitava una piccola correzione.

      Comunque ne parlerò approfonditamente verso la fine della prima metà di OP ;)

      Elimina
  3. Kiral, che bomba questi riassunti con tutta la trama! Perfetto per chi, come me, è sempre rimasto (per sua scelta) ai margini del cult One Piece! (ricordo bene anche il post del Moz sul primo volume del manga, o era il primo episodio del cartone? Moz perdonami :D).

    Mi ha incuriosito conoscere la storia di Zoro, che ovviamente per le sue spade è il personaggio che più mi attrae :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Riky, li renderò sempre più curati!
      Aspetta di conoscere gli altri passati, Zoro è niente in confronto!

      Elimina
    2. Primo episodio del manga, l'inizio... ciò che Kiral ha raccontato nel dettaglio in un paragrafo :)

      Moz-

      Elimina
  4. Lo leggerò con piacere, specie per chi come me ha abbandonato One Piece da tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'ottima occasione per riprenderlo ;)

      Elimina
  5. Peccato che per colpa di Mediaset sono ancora fermo...ora non lo ricordo neanche più da dove...con la serie a cartoni...
    In soccorso arriva Sky con One Piece Gold - Il film, che a breve spero vedrò e recensirò ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente scuse quando c'è il manga in fumetteria che esce mensilmente!! XD
      Comunque scherzi a parte, ho abbandonato quell'immondizia mediaset anni e anni fa e ho ricominciato tutto da zero col manga molto tempo fa :D

      Gold l'ho visto al cinema ed è un buon film!

      Elimina
  6. Sai, come scrissi nel mio "Avanti, Sempre e Comunque", se fossi fermato alle prime pagine non l'avrei mai iniziato One Piece. Oh le prime pagine mi annoiano, poi Oda mi fa vedere un pirata che decide di sacrificare il suo braccio in nome di un nuova speranza... E da li è nato l'amore per l'intera opera!

    PS: spero a fine mese di far uscire "Avanti, sempre e comunque". Inizio con la saga di Alabasta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, la botta arriva tutta alla fine del primo capitolo!

      Io forse entro sta settimana pubblico la recensione della Saga di Orange Town!
      Aspetterò il tuo articolo :)

      Elimina