16 febbraio 2018

Due parole sul fumetto Quando c'era LVI - IMPRESSIONE

Quando c'era LVI è un fumetto da avere, da leggere e rileggere. 
Una critica satirica ad un'Italia che dimentica e che vuole dimenticare, ad un'Italia bigotta ed immatura.
Dietro alla comicità del lavoro svolto da Antonucci, Fabbri e Perrotta, si cela un messaggio molto importante, che non va sottovalutato.


albi
Tutti e quattro gli albi di Quando c'era LVI

Ma andiamo con ordine.
Che cos'è Quando c'era LVI?
È un fumetto nostrano uscito tra il 2016 ed il 2017, scritto da Daniele Fabbri, disegnato da Stefano Antonucci e colorato da Mario Perrotta, dove viene raccontata la storia di un'ipotetica Italia dove Mussolini è stato riportato in vita da alcuni neofascisti.
Tutto ciò viene raccontato sfruttando una satira pungente, volta a divertire e a far riflettere.
L'attenzione, almeno inizialmente, è focalizzata sul piccolo gruppo estremista, ma, col passare del tempo, si allarga a tutto il paese ed alle altre forze politiche.
Quando c'era LVI non fa sconti per nessuno, non ha peli sulla lingua e non ha paura di esprimersi: proprio il tipo di narrazione che piace a me.

prime-pagine

La lettura può procedere, chiaramente, a più livelli.
C'è chi si ferma alla storia superficiale (che già da sola vale il prezzo del fumetto) e chi scava più in profondità, cercando di cogliere tutte le sfumature satiriche/caricaturali che arricchiscono l'opera.
Non voglio fare spoiler, quindi non parlerò di ciò che succede dopo il ritorno del dittatore, ma vi basta sapere che non è andato tutto per il verso giusto.

pagina

Potete trovare Quando c'era LVI sia in albi singoli (4 in totale), sia in versione cartonata, comprendente tutte le uscite.
Insomma, avrete sicuramente capito che consiglio questo fumetto a tutti, perché c'è davvero bisogno di opere così.

extra
Esempio di pagine extra alla fine di ogni albo

"Nel nostro paese la forma più comune di imprudenza è quella di ridere, ritenendole assurde, delle cose che poi avverranno."

-Ennio Flaiano.


Altre opere degli stessi autori:

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fatemi sapere cosa ne pensate con un commento qui sotto o sui miei social (o cliccando su una delle tre reazioni disponibili)!
Essendo affiliato ad Amazon, se acquistate i prodotti linkati da me, una piccola percentuale andrà al sottoscritto senza alterare il prezzo del prodotto in alcun modo.

12 commenti:

  1. Molto carino il primo numero e tutte le rubriche di compendio all'interno degli albetti ma in definitiva non mi ha fatta impazzire quanto avrei sperato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto mi riguarda, questo fumetto necessita un paio di letture per esser apprezzato al 100%. Man mano che la storia prosegue, diventa sempre più bello, proprio perché l'attenzione si allarga sempre di più :)

      Elimina
  2. Non è per vantarmi, ma intervistai a suo tempo uno degli autori (venne al Be Comics a Padova l'anno scorso), se ti va di leggere è molto interessante http://www.nerditudine.it/2017/04/le-nerd-interviste-21-stefano-antonucci.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letta! Mi è piaciuta parecchio :D

      Elimina
  3. ahhaha meraviglioso :D, cronaca vera 'la rivista di settore', ma il campanello cosa suona?

    I panda sono fortissimi, ahha, quante 'bordate' celano.

    ps vedo che anche tu sei della mia scuola appoggia il fumetto su una scrivania :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, il fumetto sulla scrivania è un must XD

      Elimina
    2. Perché la parodia di He-Man che diventa LUI UOMO, con la pelata al posto del caschetto biondo? Da capottarsi!!!!

      Elimina
  4. Comperato due anni fa, ma se devo dire la verità non mi ha fatto impazzire.
    Spesso le gag si basano sulle solite cose da secoli (da Fascisti su Marte in poi, roba già stra-abusata), e hanno quel tipico umorismo a volte forzato da Suore Ninja.
    Pensa, di questo ho parlato anche di persona col disegnatore.
    Bellissime invece le pagine finali di ogni albo :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, a volte usano espedienti secolari, ma (sarà per la mia giovane età) li ho trovati comunque sempre azzeccati :D

      Elimina
  5. Dopo aver visto "Sono Tornato", voglio leggere "LVI"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quello che ho capito (non ho visto il film), sono due tipi di comicità molto diversi. Questo fumetto ne ha una molto più "cattiva"!

      Elimina