26 gennaio 2018

La differenza tra 30 e 60 fps (frame per second) nei videogiochi, spiegata molto semplicemente - EXTRA

Con l'avvento di internet e, soprattutto, di questa generazione di console (PlayStation 4 e Xbox One), gli utenti hanno iniziato ad interessarsi ad argomenti molto tecnici legati al mondo videoludico. Abbiamo già passato in rassegna il discorso su Remake, Remaster e Reboot, quindi oggi discuteremo della tematica legata al frame rate di un titolo.
Perché mi piace complicarmi la vita.
E va bene così.

30-60
Immagine puramente dimostrativa
(Fonte)


Voglio premettere che non sono un esperto d'informatica e che tutto ciò che dirò sarà frutto della mia esperienza personale da videogiocatore e del mio buon senso da essere umano senziente
In ogni caso a fine articolo citerò le fonti principali in cui mi sono documentato. 
No, non ho cercato solo su Wikipedia.

Iniziamo.
Cos'è il frame rate?
Molto semplicemente, il frame rate è la frequenza dei fotogrammi che compongono un filmato. Infatti qualunque video o videogioco è composto da moltissime immagini che si susseguono velocemente, dando l'illusione al nostro occhio di guardare qualcosa in movimento.
La quantità di frame (fotogrammi) presenti in un secondo, danno vita al valore degli fps, i frame per second, appunto. 
Più frame ci sono in questo brevissimo lasso di tempo, più il filmato sarà fluido.
La questione è molto più complessa di così, ovviamente, ma questa brevissima spiegazione può aiutare a capire, almeno istintivamente, perché nei videogiochi ci sia il dibattito sui 30 e sui 60 fps.

Qual'è la quantità di frame per second migliore tra 30 e 60 per i videogiochi?
In realtà la risposta generale è piuttosto semplice: 60.
Prima di continuare la lettura vi invito a cliccare su questo link, che rimanda ad un sito in cui è possibile vedere la differenza tra 30 e 60 fps tramite un'immagine in movimento.
Fatto?
Bene.
So che molti esperti saranno saltati dalla sedia perché la questione non è riassumibile in un'immagine del genere, ma seguitemi ancora un po'.
Qui lo dico e qui lo nego: un videogioco che va a 60 fps fissi sarà S-E-M-P-R-E migliore di un titolo che viaggia a 30.
Perché? Qui si aprirebbe una voragine fatta di tecnicismi a non finire, ma mi limito a dire che i 60 fps, quando sono implementati con criterio, permettono ad un videogame d'essere molto più fluido, reattivo e responsivo.
Non a caso i giocatori professionisti degli eSport giocano ad un frequenza che va dai 120 fps in su (fino ad arrivare ai 1000 per alcuni tornei di CS:GO).

cs:go
Schermata di gioco di CS:GO
(Fonte)

Quindi, perché non tutti i titoli sono tarati a 60 fps?
Anche in questo caso la risposta è molto scontata: dipende dalle scelte di sviluppo.
All'inizio del processo produttivo di un nuovo videogioco, i programmatori sono chiamati a decidere dove focalizzarsi nel poco tempo a loro disposizione per finire il software... ricchezza grafica o frame rate ottimale? 
Spesso e volentieri, soprattutto su console, le software house scelgono di puntare tutto sulla pura estetica tralasciando il fattore frame rate, impostandolo a 30.
Se aggiungiamo il fatto che moltissimi utenti non sanno nemmeno la differenza tra 30 e 60 fps perché hanno sempre giocato su console e non si sono mai posti il problema, il quadro è completo.

Quindi se un gioco va a 30 fps fa schifo?
Ovviamente no.
Mi spiego.
Se un titolo non da eSport va a 30 fps fissi, non è un problema. I guai iniziano quando il frame rate non è stabile: in quel caso significa che è stato fatto un brutto lavoro in sede di sviluppo (vero From Software?).
Chiaramente lo stesso vale per i 60 fps: preferisco i 30 fissi che i 60 altalenanti.
Tuttavia è sbagliato dire che i 60 sono inutili e non servono... provate a giocare per un mese a Dark Souls 3 su PC e poi passate su PS4, voglio proprio vedere se "è uguale".

ds3
Dark Souls 3
(Fonte)

Vabbè, magari ci sono videogame che richiedono i 60 fps per essere giocati bene e altri invece no?
Ni, non è del tutto sbagliato pensarla così.
Come ho già accennato, nei titoli da eSport è OBBLIGATORIO un frame rate elevato (almeno 60/120). Questo proprio perché "l'eSportivo" ha l'occhio allenato alla maggior fluidità possibile per essere sempre reattivo (e perché i comandi entrano meglio a frequenze più alte, ma non addentriamoci in questo campo).
Ciò non toglie che anche un gioco di carte come Gwent possa esser goduto molto meglio quando viaggia a 60 fps... tutti i videogame regalano un'esperienza migliore quando vanno a 60, non prendiamoci in giro, dai (da The Sims a Doom, da Dark Souls a Fortnite).
Ci sarà chi lo nota meno perché magari non fa attenzione a questi dettagli o perché gioca da divano (lontano dallo schermo), ma in generale l'occhio umano percepisce queste differenze.

A partire dall'uscita di Nioh, nei primi mesi del 2017, le software house hanno iniziato a dare la possibilità al giocatore (anche su console) di scegliere se puntare tutto sulla risoluzione o sul frame rate. 
Inutile dire la mia gioia nell'apprendere questa notizia: si può scegliere liberamente se avere qualche miglioria grafica o se avere i 60 fps.
Consiglio a tutti, quando trovate quest'opzione, di fregarvene di qualche particellare in più e di godervi il titolo dando la precedenza alla fluidità di gioco.  


nioh
Opzioni per stabilizzare i frame rate o la risoluzione in Nioh
(Fonte)

Sfatiamo qualche mito:

  • "Ma i film al cinema vanno a 24 fps e non mi sembra che vadano a scatti". Coi film entra in gioco il "motion blur", ovvero un particolare stratagemma che ci da l'illusione della fluidità. Nei videogiochi funziona in modo completamente diverso;
  • "Ma l'occhio umano vede a 30 fps, non nota i 60". Non spreco nemmeno tempo a confutare questa frase;
  • "Ma se mettiamo le opzioni grafiche anche su console, diventa un PC confondendo gli utenti non abituati". No, dipende da come proponi le sopracitate opzioni. Basta scrivere: vuoi maggior qualità grafica o maggior fluidità? Ditemi cosa c'è di difficile.

Fatemi sapere cosa ne pensate con un commento qui sotto o sui miei social (o cliccando su una delle tre reazioni disponibili)!
Essendo affiliato ad Amazon, se acquistate i prodotti linkati da me, una piccola percentuale andrà al sottoscritto senza alterare il prezzo del prodotto in alcun modo.

Per saperne di più:
FRAMERATE, cos'è? La diatriba "Cinematografica" - L'Effigie del Mercato
PC e Console. 30 vs 60fps. Esistono dei limiti tecnologici? La parola all'esperto
La guerra del frame rate: 30 vs 60 fps
- Altro sito dove vedere la differenza di frame rate

P.S.: invito tutti gli esperti in materia a commentare qui sotto e arricchire le mie osservazioni.

14 commenti:

  1. Non ci ho capito quasi niente :D ma nella mia modestia di videogiocatore mi accontento di 30 fps :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come nel precedente articolo su remake, remaster e reboot, ho cercato di rendere tutto il più semplice possibile XD
      Il riassunto è: un videogioco che va a 60 fps è molto più fluido e reattivo rispetto ad un videogioco che va a 30 :D

      Elimina
    2. Quella era l'unica cosa capita :D

      Comunque l'articolo è chiarissimo, sono io 'zocco' :D

      Elimina
  2. Grazie sempre per i tuoi articoli chiarificatori..io che sono ignorante in materia li trovo illuminanti!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Riformulo per gli errori:
    Ne ho sempre sentito parlare ma non mi sono mai interessato all'argomento. Ora mi è tutto molto più chiaro.
    Pensa che lo confondevo con un'altra vecchia battaglia che forse non ricorderai o ricorderai appena, dato che è di fine anni 90: 50 bande contro 60 bande del televisore, ovvero le barre nere che per i televisori 4:3 diventavano più grosse nelle edizioni PAL. Invece per quelli 16:9 nelle edizioni NTSC sparivano del tutto mentre noi continuavamo ad averle.
    Chiedo scusa se non sono stato chiaro ma è un argomento vecchio, per di più sul quale non sono ferrato... tutta roba che leggevo sulle riviste vent'anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi ricordo la diatriba che hai descritto (mi ricordo qualcosa dai libri di scuola, ma niente di più).
      Comunque son contento d'averti chiarito le idee :)

      Elimina
  5. Non sono esperto in materia e quindi quel che ora so l'ho appreso proprio dal tuo post XD
    Mi pare ovvio che 60 sia meglio... c'è più fluidità generale nell'immagine (o nella percezione della stessa).

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa che c'è gente che afferma il contrario perché "non vede alcuna differenza" :D
      Viviamo in un mondo magico :D

      Elimina
  6. Come già detto, non sono un videogiocatore quindi il dilemma non mi affligge ma devo complimentarmi per l'ottimo post!

    RispondiElimina
  7. Ora ho capito. Essendo old school gli fps non mi sono mai stati chiari XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh una volta andava pressoché tutto a 60 ahah non c’erano differenze visibili!

      Elimina