14 giugno 2017

Dragon Ball FighterZ: un possibile capolavoro - RIFLESSIONE

Goku

Finalmente dopo gli ultimi Xenoverse è tornato Dragon Ball in tutto il suo splendore con una presentazione in pompa magna all'E3 di Los Angeles. Sarò schietto, Dragon Ball Xenoverse e Xenoverse 2 non mi hanno mai catturato sia per il gameplay troppo confusionario, sia per il comparto tecnico poco ispirato: quando vidi Dragon Ball FighterZ gioii come un bambino. 
Gioii fondamentalmente perché questo è quello che mi aspetto da un picchiaduro di questo stampo: botte scenografiche, non un falso gioco di ruolo come nei precedenti titoli.

Goku e Vegeta

Finalmente è tornato il Dragon Ball che tanto amiamo con combattimenti velocissimi e bellissimi da vedere come nei vecchi Budokai 1, 2 e 3 o come nella serie Shin Budokai per PSP. Il team di sviluppo ha scelto di adottare uno stile 2.5d per garantire, probabilmente, un frame rate stabile a 60 fps (doveroso in un picchiaduro) e la massima resa grafica. I modelli dei personaggi semplicemente perfetti... è dai tempi di Raging Blast e Ultimate Tenkaichi che non vedo dei personaggi riprodotti così bene. 

Insomma, Dragon Ball FighterZ mi ha convinto sotto ogni punto di vista e potrebbe davvero diventare un nuovo capolavoro come Budokai Tenkaichi 3 e Budokai 3. L'uscita è prevista per l'inizio del 2018 per tutte le piattaforme e sicuramente ci farò una recensione come si deve.

Nessun commento:

Posta un commento