10 marzo 2017

L'importanza di vivere un videogioco nel periodo giusto - RIFLESSIONE

Oggi vi propongo una riflessione circa la necessità di giocare ad un titolo nel periodo storico in cui è uscito e di come questo fattore influisca notevolmente sulla valutazione che gli attribuiremo una volta concluso. Ogni videogame è pensato, consapevolmente o meno, per esistere nel momento in cui viene pubblicato ed è per questo motivo che, quando gli sviluppatori si accingono alla creazione di un remake o di un reboot, cambiano sempre qualcosa per rendere il titolo attuale e moderno.
Prendiamo come esempio Final Fantasy VII: se venisse pubblicato un remake identico alla versione del '97 sarebbe un fallimento totale in quanto non venderebbe mai come un gioco moderno. Sarebbe apprezzato solo dai fan di vecchia data e non dalle nuove generazioni, e questo non è l'obiettivo di un remake. Infatti, quando si ripropone una vecchia gloria con una nuova veste, lo scopo è allargare la fanbase inglobando i giovani videogiocatori e, contemporaneamente, permettere alla generazione precedente di rivivere un titolo che amano. 


final fantasy 7 remake
Final Fantasy 7 Remake

Ecco perché è importantissimo stare al passo coi tempi, studiare i gusti delle persone e, di conseguenza, offrire il prodotto migliore al momento giusto. 
Questa necessità non toglie al videogioco le sua qualità: Final Fantasy 7 resta un capolavoro, tuttavia ciò che è cambiato è l'impatto che avrebbe la sua pubblicazione se venisse fatta al giorno d'oggi. 


final fantasy 7
Final Fantasy 7

Un discorso a parte va fatto per il retrogaming in quanto viene effettuato da una nicchia di utenti con lo scopo preciso di giocare un titolo del passato. Ovviamente questi giocatori sono pienamente consapevoli circa l'età di ciò che stanno affrontando e non lo fanno per cercare qualcosa di nuovo, ma per recuperare un titolo che si sono persi o che amano. L'atteggiamento mentale di chi cerca un videogame retrò e di chi ne cerca uno nuovo è, quindi diametralmente opposto



Nessun commento:

Posta un commento