3 marzo 2017

La grafica nei videogiochi: conta davvero? - RIFLESSIONE

La grafica nei videogiochi conta moltissimo ed è uno dei punti fondamentali che devono essere presi in considerazione quando si valuta un titolo. 


Il suo compito è rappresentare visivamente ciò che hanno in testa gli sviluppatori, far diventare realtà un'idea astratta e renderla interagibile da parte dei videogiocatori. 
Non è un compito facile, in molti hanno tentato di creare grafiche mozzafiato spinte al limite del fotorealismo come su The Vanishing of Ethan Carter o Uncharted, altri hanno cercato di creare dei quadri in movimento come su Journey, altri ancora hanno cercato di riprodurre un manga fedelmente come per Dragon Ball, Naruto e One Piece. La grafica si deve adattare al tipo di gioco e trasmettere delle emozioni, che siano essere paura, amore, meraviglia, disgusto o rabbia. Non è importante il numero di poligoni su schermo, ciò che conta è come si sposano col resto del videogioco. A questo proposito bisogna fare degli esempi con delle immagini:

zelda grafica
The Legend of Zelda Breath of the Wild

Questo è un tipo di grafica molto cartoon che si sposa alla perfezione col tipo di videogame e col brand di Zelda. Non è fotorealistica e nemmeno tecnicamente eccelsa, è semplicemente azzeccata.

journey grafica
Journey

Qui abbiamo un titolo estremamente poetico, quindi ciò di cui ha bisogno è di una estetica pulita, semplice, immediata e riconoscibile: tutto ciò è presente in Journey. Anche la sua grafica gli ha permesso di diventare il capolavoro che è oggi.

bloodborne grafica
Bloodborne

Con Bloodborne abbiamo una cambio di tema, da onirico e poetico a macabro e spietato. Infatti la sua grafica è particolareggiata, piena di dettagli e al tempo stesso perfetta per uno stile di gioco rapido e fulmineo come il combattimento tra cacciatori e belve. In Bloodborne siamo in un incubo, e possiamo notarlo fin da subito dal suo stile estetico gotico e dark.

titansouls grafica
Titan Souls

Infine abbiamo Titan Souls con la sua grafica retrò e il suo stile semplice. Anche questo il titolo viene riconosciuto dal suo stile estetico molto particolare, volutamente "fuori dal tempo" in modo da mettere in risalto il gameplay che risulta centrale all'interno del titolo stesso.

Clicca qui per leggere l'articolo precedente dove parlo del PEGI!


Nessun commento:

Posta un commento